true
Printer-friendly version

Aspen Collective Mind

2020

È nel momento dell’emergenza che deve essere progettato il futuro. Con questa aspirazione, la comunità degli associati ad Aspen Institute Italia ha presentato numerose proposte per l’Italia dopo la pandemia. Questo Documento è una organica rappresentazione di tale impegno, alimentato dallo spirito pluralista, di servizio franco e costruttivo alla comunità per una coesione nazionale, che caratterizzano l’iniziativa di Aspen Institute Italia in quasi quaranta anni di analisi e dibattiti. Il Documento è stato realizzato da un Gruppo di esperti, presieduto dal Professor Alberto Quadrio Curzio, che ha organizzato centinaia di proposte, filtrandole per la loro concretezza e articolandole in cinque capitoli: imprese, investimenti, infrastrutture, innovazione e istituzioni. L’obiettivo del programma Aspen Collective Mind e delle proposte qui presentate è di ispirare decisioni e azioni per una crescita innovativa e sostenibile di lungo periodo. Il prodotto di tale programma non intende essere un’elaborazione scientifico-accademica, ma rappresenta una originale espressione di idee plurali, la cui qualità e autorevolezza derivano dall’esperienza diretta degli associati di Aspen Institute Italia, dal valore delle esperienze di una comunità inter-disciplinare e inter-professionale formata da imprenditori, managers, accademici e, più in generale, “leader” del mondo economico, finanziario, politico, sociale, scientifico e culturale. Si sottolinea anche il significativo contributo intergenerazionale della comunità di Aspen Institute Italia a questo impegno. Numerose proposte sono, infatti, pervenute dalla comunità dei giovani dell’Istituto - Aspen Junior Fellows, Aspen Junior Fellows Alumni e Aspen University Fellows - arricchendo il quadro di prospettive per l’Italia del futuro, che vedrà protagoniste e interpreti delle idee qui contenute proprio le più giovani generazioni.  Questo Documento è un punto di partenza di un percorso, non un punto di arrivo, è un work in progress, una risorsa per chi deve formulare decisioni utili per l’Italia e che si potrà arricchire dei contributi della comunità di Aspen Institute Italia per un dibattito aperto a servizio del Paese.

 

2022

La valorizzazione dell’esperienza internazionale del personale pubblico è un Documento propositivo che ha l’obiettivo di migliorare la corretta ed efficace cura degli interessi italiani nelle sedi europee e sovranazionali. Questo lavoro si inquadra nel programma Aspen Collective Mind che nel 2020 ha raccolto i contributi di numerosi associati, organizzandoli in un documento pubblico realizzato da un Gruppo di esperti presieduto da Alberto Quadrio Curzio. Il Documento è stato realizzato con il coordinamento scientifico di Massimo Massella Ducci Teri e la redazione di tre Aspen Junior Fellows di Aspen Institute Italia: Alberto Cagnazzo, Valeria Cipollone e Giorgio Mocavini. Le proposte presentate dal Documento hanno considerato la normativa vigente, valutandola alla luce delle esperienze di altri Paesi europei e dei profili applicativi esaminati con le Amministrazioni maggiormente coinvolte.

Le politiche per il rilancio del Sud, Venezia 2 ottobre 2022
Nel suo intervento all’Aspen Collective Mind Seminar, che si è tenuto nella cornice degli Aspen Seminars for Leaders, Sabino Cassese propone una riflessione sulle politiche per il Mezzogiorno – dai diritti speciali agli interventi straordinari, fino ai fondi europei – che si sono succedute dopo l’unificazione dell’Italia.

La valorizzazione del Dottorato Industriale in Italia è un Documento propositivo che ha l’obiettivo di imprimere nuova linfa e forza ad un trasferimento tecnologico che ponga i dottorandi al centro, con il sostegno di un dialogo continuo tra università ed impresa. Questo lavoro si inquadra nel programma Aspen Collective Mind che dal 2020 raccoglie i contributi degli associati ad Aspen Institute Italia, organizzandoli in proposte pubbliche realizzate da un Gruppo di esperti presieduto da Alberto Quadrio Curzio. Grazie al confronto con gli altri stati europei, questo Documento declina un modello che rivoluziona il ruolo del dottorando industriale in Italia prevedendo una sua integrazione immediata nell'azienda e fornendo all'impresa gli strumenti per ottenere il più elevato beneficio dal trasferimento tecnologico. Un modello definito "triplo win" basato su integrazione e comunicazione fra le parti, dove l’Università valorizza la propria capacità di formazione delle persone e di organizzare la ricerca, i Dottorandi sono già parte attiva delle dinamiche aziendali e l’Industria è coinvolta fin dal principio partecipando alla crescita delle future risorse e al loro inserimento nei processi interni. Il Documento, realizzato in collaborazione con Collège des Ingénieurs - CDI Italia, è stato predisposto con il coordinamento scientifico di Maurizio Prete e la redazione di tre Aspen Junior Fellows (AJF) di Aspen Institute Italia: Edoardo degli Innocenti, Giovanni de Niederhausern (AJF Alumnus) e Giulia Giovannini. La Presentazione è di Alberto Quadrio Curzio e Massimo Inguscio.