Luca Ozzano

Printer-friendly versionSend to friend
Luca Ozzano

Luca Ozzano is an Assistant Professor of Political Science at the University of Turin and Chair of the “Politics and Religion” Standing Group of the Italian Political Science Society (SISP). He has published two books: Fondamentalismo e democrazia (2009) and Tra la Mecca e Bruxelles: Politica e religione in Turchia (2012) and has co-edited Religioni tra pace e guerra. Il sacro nelle relazioni internazionali del XXI secolo (2012).

This author wrote:

Il dibattito sull’aborto in Turchia: una nuova fase di culture war

Nei mesi scorsi il dibattito politico e sociale in Turchia è tornato a concentrarsi sulle questioni etiche. Questa volta non si tratta del velo, ma di un tema di discussione inedito per il paese: l’interruzione volontaria di gravidanza. La controversia è stata scatenata da una dichiarazione rilasciata il 25 maggio dal primo ministro Erdogan, che ha affermato: “considero l’aborto un omicidio...

I Democratici e la laicità: yes, but…

Il 24 marzo ha avuto luogo a Washington il Reason Rally, una manifestazione di atei e razionalisti che ha visto la partecipazione di circa diecimila persone. L’evento, organizzato da una ventina di diverse associazioni, intendeva esprimere il disagio dei non credenti americani di fronte ad un dibattito politico sempre più condizionato dalla destra cristiana...

La riforma dell’istruzione in Turchia: regalo agli islamisti o problema di equità?

Il 30 marzo scorso il parlamento turco ha approvato a maggioranza (con 295 voti su 550) un’importante riforma dell’istruzione, già diventata legge dopo l’approvazione del presidente Gül...

Rick Santorum, il candidato della questione religiosa

Negli ultimi decenni l’enfasi sulla religione e sulle issues morali è diventata un costante cavallo di battaglia dei candidati repubblicani, per i quali assumere un atteggiamento intransigente (in particolare sulla morale sessuale) è diventato quasi un prerequisito per affermarsi nelle primarie...

Il fattore religioso, Gingrich e i conservatori divisi

Se fosse necessario dimostrare la separazione tra chiese e mondo politico negli Stati Uniti, la netta vittoria di Newt Gingrich nelle primarie del South Carolina (che potrebbe perfino proiettare il candidato verso una vittoria nazionale) sarebbe paradigmatica...

La terza vita politica di Newt Gingrich

L’improvvisa ascesa di Newt Gingrich ha rappresentato una novità della campagna per le primarie repubblicane. Non del tutto sorprendente, tuttavia, poichè coinvolge un politico esperto, che ha dimostrato più volte di possedere una rara capacità di visione strategica...

Il fattore religioso nel dibattito presidenziale americano

Il fattore religioso ha avuto, fino ad ora, meno peso del solito nella campagna per le primarie repubblicane per le elezioni presidenziali del 2012. Ciò è dovuto a tre ragioni principali. La prima è il fatto che, in tempi di crisi, è più valido che mai il motto clintoniano “it’s economy, stupid!”...

Teheran, Ankara e Washington: tra complotti e primavere

La notizia del cosiddetto complotto iraniano – che avrebbe inteso colpire l’ambasciatore saudita negli USA, e altre rappresentanze saudite e israeliane nel mondo – ha richiamato molta attenzione internazionale. Se il piano iraniano fosse confermato, saremmo di fronte ad un significativo passaggio...

Il rapporto Turchia-Israele: da alleanza a epicentro di tensione?

La crisi definitiva dei rapporti tra Turchia e Israele, che da tempo si temeva e si pronosticava, è probabilmente iniziata nei giorni scorsi, con l’espulsione della rappresentanza diplomatica dello Stato ebraico ad Ankara e il congelamento degli accordi militari tra i due paesi...

Le radici profonde della violenza interreligiosa in India

Il 13 luglio la violenza tra le comunità religiose ha insanguinato ancora l’India: tre ordigni sono esplosi nelle aree commerciali di Mumbai provocando almeno 19 vittime (ma il numero varia nei diversi resoconti) e oltre 100 feriti...