Giuseppe Dentice

Printer-friendly versionSend to friend
Giuseppe Dentice

Giuseppe Dentice is Ph.D Student in Institutions and Politics at the Catholic University of the Sacred Heart, Milan, and Associate Research Fellow at the Middle East and North Africa Centre, part of the Italian Institute for International Political Studies (ISPI). His research interests are focused on geopolitical and security issues related to the MENA region (in particular concerning Egypt, Israel and Gulf monarchies) as well as on International Relations of the Middle East. He is a consultant for the Italian Parliament.

Twitter: @GiuseppeDentice


This author wrote:

La lenta evoluzione del Consiglio di Cooperazione del Golfo

Lo scorso 14 maggio, i leader del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG) si sono riuniti a Riyād per il 14esimo vertice consultivo dell’organizzazione: temi principali del summit sono stati la crisi siriana e le rinnovate tensioni tra Emirati Arabi Uniti e Iran derivanti dalla contesa per le isole di Abu Musa e Grande e Piccola Tunb nello Stretto di Hormuz...

Israele, la ferrovia che aggira Suez e le direttrici strategiche

Lo scorso 5 febbraio Israele ha approvato la costruzione di “Red-Med”, una linea ferroviaria che, unendo le due coste del paese, costituirà un'alternativa terrestre ai traffici di Suez e aprirà un nuovo ponte commerciale tra i mercati asiatici e quelli europei...

Ripresa e trasformazione economica in Tunisia: aiuti internazionali e riforme

Dopo un anno dalla rivolta popolare che ha destituito il regime di Zine el-Abidine Ben Alì, lo scorso 23 ottobre la Tunisia ha affrontato le sue prime elezioni libere che hanno visto l'affermazione del partito di ispirazione islamica an-Nahda...

Come le monarchie del Golfo aggirano lo Stretto di Hormuz

Nel corso degli ultimi vent'anni, l'Iran ha più volte minacciato la chiusura dello Stretto di Hormuz come forma di rappresaglia per le crescenti pressioni internazionali legate al suo controverso programma nucleare...

La diversificazione energetica nel Maghreb: il caso Desertec

Il Nord Africa e il Medio Oriente svolgono da decenni un fondamentale ruolo di fornitore energetico per l'Europa. Da alcuni anni, diversi Paesi della regione stanno perseguendo progetti di diversificazione economica basati, principalmente, sullo sviluppo di fonti rinnovabili non fossili: alla base di queste scelta c’è soprattutto la crescente domanda mondiale di energia...

Egitto e Turchia: prove tecniche di integrazione economica

Egitto e Turchia sembrano voler impostare i propri rapporti bilaterali al fine di incidere sugli scenari regionali...

Le città economiche del Golfo: i “laboratori” del deserto

Da alcuni anni le monarchie del Golfo stanno attuando dei progetti di diversificazione economica, basati principalmente sullo sviluppo di fonti di approvvigionamento energetico alternative agli idrocarburi...

Egitto e Israele: il fattore energetico

Negli ultimi mesi, gli incidenti avvenuti al gasdotto egiziano Arab Gas Pipeline (AGP) e gli attentati nel Negev hanno riportato l'attenzione sul problema della sicurezza del Sinai, una delle zone più instabili dell'Egitto...