Giuseppe Dentice

Printer-friendly versionSend to friend
Giuseppe Dentice

Giuseppe Dentice is Ph.D Student in Institutions and Politics at the Catholic University of the Sacred Heart, Milan, and Associate Research Fellow at the Middle East and North Africa Centre, part of the Italian Institute for International Political Studies (ISPI). His research interests are focused on geopolitical and security issues related to the MENA region (in particular concerning Egypt, Israel and Gulf monarchies) as well as on International Relations of the Middle East. He is a consultant for the Italian Parliament.

Twitter: @GiuseppeDentice


This author wrote:

La stabilità dell’Egitto passa anche (e molto) dall’economia

A pochi giorni dalle attese elezioni presidenziali che dovrebbero consacrare la netta vittoria dell’ex Feldmaresciallo Abdel Fattah al-Sisi, l’Egitto non sembra essere ancora destinato nel breve periodo a conoscere quiete e stabilità...

La quiet diplomacy dell’Oman: una terza via tra Riyad e Teheran

L’accordo transitorio sul nucleare iraniano del novembre 2013 sembrerebbe aver ridefinito gli equilibri interni nella regione del Golfo, favorendo sia l’ascesa di nuovi attori sia il riposizionamento strategico di antiche potenze...

Piccoli passi negoziali sulla Siria, ma il disastro continua

“Un inizio molto modesto, ma pur sempre un inizio, su cui si può costruire”...

Washington e Riyād: una diversa relazione speciale?

L’incontro del 4 novembre tra il segretario di Stato americano e il re dell’Arabia Saudita, Abdullah, è stato il più atteso nell’ambito del viaggio di John Kerry in Medio Oriente e Nord Africa...

Tunisia: dove punta la transizione?

A due anni di distanza dalle prime elezioni democratiche dell’ottobre del 2011 che consegnarono la guida del paese a Ennahda (partito d’ispirazione islamica), la Tunisia si trova ancora oggi impegnata in una difficile transizione politica ed economica...

Il problema trasversale della sicurezza nel Maghreb

Alla crisi politica che attraversa da oltre due anni il Nord Africa si accompagna sempre più un problema di sicurezza interna ed esterna...

La frammentazione del quadro iracheno

A dieci anni dall’inizio della terza guerra del Golfo, l’Iraq post-Saddam è ancora lontano dallo sviluppo di un processo di riconciliazione e pacificazione nazionale...

I nodi irrisolti della Tunisia: politica, istituzioni ed economia

La Tunisia continua ad essere attraversata da una profonda crisi politico-istituzionale che si lega a doppio filo sia con le questioni di sicurezza nazionale sia con quelle di stretta contingenza economica...

Friends of Syria: lo stallo internazionale sulla partita siriana

Il 28 febbraio si è tenuta a Roma la quinta riunione del Gruppo di alto livello sulla Siria, meglio noto come Friends of Syria, il vertice internazionale a cui partecipano undici tra paesi occidentali e mediorientali che si propone di trovare una soluzione alla crisi del paese...

L’economia egiziana ostaggio dell’instabilità politica

Sullo sfondo della delicatissima transizione politica e del grave scontro istituzionale scatenato dalle recenti iniziative del presidente Mohamed Morsi, lo scorso 20 novembre il Fondo monetario internazionale ha annunciato un’intesa con il governo egiziano per la concessione di un prestito da 4,8 miliardi di dollari...