Azzurra Meringolo

Printer-friendly versionSend to friend
Azzurra Meringolo

 

Azzurra Meringolo holds a PhD in International Relations, works as journalist at the National Broadcasting Company (Giornale Radio Rai). As contributor to national and international newspapers, she has traveled in the middle east for years. She has been Editor-in-Chief of the IAI's webzine AffarInternazionali and scientific coordinator of the Arab Media Report. She teaches Arab Media at Rome Tre University. Her research interests include the politics of the Arab world with a particular focus on Egypt. Author of "I ragazzi di piazza Tahrir", in 2012 she won the Ivan Bonfanti Journalism Award. Her doctoral thesis on Egyptian anti-Americanism won the Maria Grazia Cutuli Prize. In 2013 she received the Indro Montanelli Journalistic Prize. WIIS (Women in International Security) Italy founder, Azzurra is member of the German Marshall Fund Leadership Council. Her last book is “Il sogno antiamericano. Viaggio nella storia dell’opposizione araba agli Stati Uniti."

Twitter: @ragazzitahrir


 

This author wrote:

Intervista a Rachid Ghannouchi

“Dopo la caduta del blocco sovietico, la democrazia ha dilagato nel continente europeo. La nostra regione non era stata raggiunta da questa ondata di libertà ed eravamo rimasti indietro. Con la primavera araba ci stiamo rimettendo al passo” dichiara Rachid Ghannouchi intervenendo alla conferenza organizzata il 29 febbraio a Roma dalla Comunità di Sant’Egidio...

L’Egitto e gli aiuti internazionali: dove la politica incontra l’economia

È sfociata in una crisi diplomatica tra Egitto e Stati Uniti la campagna condotta dalle autorità egiziane contro le ONG internazionali. Una crisi che, sotto il profilo economico, rischia di aggravare l'instabilità dell'Egitto in questa delicata fase di transizione e che potrebbe avere conseguenze anche sul piano politico...

La battaglia sulla Costituzione egiziana

Distensione. E’ questo il messaggio inviato da Hussein Tantawi, il generale a capo del Consiglio Supremo delle Forze Armate egiziane, a quanti si preparavano a celebrare il primo anniversario dello scoppio della rivolta che ha portato alla caduta del vecchio dittatore...

Il quadro politico egiziano: un momento della verità per l’Islam politico

Dopo la Tunisia, anche in Egitto sembra essere arrivato il momento dell’ascesa dell’Islam politico. Per sapere l’esatta composizione del Maglis al-Shaab, la camera bassa del primo parlamento dell’era post Mubarak, mancano solo i risultati dell’ultimo ballottaggio tenutosi il 10 e 11 gennaio...

Intervista a Amr Amzawy

Amr Amzawy è stato eletto alla Camera bassa del Parlamento egiziano, candidandosi al primo turno come indipendente. Ex direttore della sede libanese del centro di ricerca Carnegie Endowment for International Peace, nel corso della rivolta egiziana scoppiata il 25 gennaio Amzawy è stato un membro del consiglio dei saggi  formato per negoziare tra manifestanti e governo...

Intervista a Hassan Nafaa

Hassan Nafaa è preside della Facoltà di Scienze Politiche dell'Università del Cairo, esperto di relazioni internazionali ed editorialista su quotidiani indipendenti e liberali. Pur avendo criticato negli ultimi mesi la condotta della transizione da parte dei militari, è stato nominato membro del Consiglio Provvisorio creato dalla giunta militare l'11 dicembre scorso...

Il fattore salafita nel mosaico egiziano

Il primo dei sei turni elettorali per l’elezione del nuovo parlamento egiziano (iniziato il 28 novembre) ha registrato il parziale successo del neonato partito salafita Al-Nour, la Luce, guidato da  Emad Abdel Ghaffour. Nel suo primo e storico appuntamento con le urne, il movimento salafita si è aggiudicato il 25 % dei seggi in palio...

Conversazione sulle transizioni arabe: intervista a Abu al-'Ila Madi

Fondatore del partito islamico moderato Wasat, Abu al-'Ila Madi è uno dei protagonisti del nuovo Egitto nato dalla ceneri del regime di Mubarak. Nella linea politica del suo movimento non solo un forte richiamo al modello turco in materia di rapporti fra stato e religione, ma anche un nuovo ruolo per le società musulmane...

La nuova fase della rivoluzione egiziana: la violenza prima del voto e il ruolo dei militari

Nei nove mesi trascorsi dalla caduta del presidente Mubarak, piazza Tahrir, epicentro della rivolta scoppiata il 25 gennaio scorso, non si è mai spenta del tutto. Ma l’escalation di violenza degli ultimi giorni ha portato televisioni e giornali a parlare dell’inizio di una seconda rivoluzione. In effetti, quella in corso è solo un’altra fase della rivolta di inizio anno. ...

La campagna elettorale per il Parlamento egiziano

Dal 28 novembre i cittadini egiziani saranno chiamati alle urne per eleggere il primo Parlamento dell’era post Mubarak. Nell’arco di tre giornate elettorali -28 Novembre, 14 Dicembre e 3 Gennaio - gli elettori sceglieranno i deputati della camera bassa e poi i membri della Shura, la camera alta...