Arab Spring

La gang dei 50 e la Costituzione egiziana

Tra pochi giorni potremo leggere il primo testo della nuova costituzione egiziana. Questa almeno è la previsione di Amr Moussa, il presidente dell’Assemblea Costituente...

Setting realistic goals for Egypt: a Turkish path

If it had not been important, I would have been amused by all the breathless and utterly ahistorical cheerleading following the high point of the ill-starred Arab Spring, when the Egyptian people at last dispatched the tired Hosni Mubarak to the sidelines...

Egypt: the revolution of equivocations

There is an intense debate about the right way to define the events unfolding in Egypt. Supporters of the coup d’état or “revolution” theories have clashed in a bitter dispute that goes far beyond a purely semantic issue...

Beyond the Egyptian paradox. A conversation with Roger Owen

One of the most influential legacies left by French sociologist Émile Durkheim is that revolutions are in themselves unable to make any significant difference: every deep change takes place through the cumulation of long-term processes of social development...

Il ruolo chiave dei militari egiziani

Le forze armate sono talvolta decisive nelle fasi in cui una società vede spezzarsi del tutto il rapporto di fiducia, o almeno di acquiescenza, tra cittadini e organi di governo. Come in Egitto, l'esercito diventa allora l'unico argine che può fermare una deriva verso la guerra civile e l'uso della forza da parte di gruppi armati irregolari...

Egitto: il golpe morbido

Il canale televisivo di stato che dedica mezzo schermo a una Piazza Tahrir in festa e l’altra metà allo spiazzo di Rabaa al-Dawahya in lacrime è l’immagine che riassume lo stato d’animo dell’Egitto di oggi. Nella prima sono riuniti quanti gioiscono per aver annullato la legittimità dei seggi...

Il difficile rapporto tra Morsi e la società civile: il caso delle ONG

I sondaggi parlano chiaro: solo il 30% degli egiziani pensa che il Paese stia andando nella direzione giusta. La stessa percentuale sostiene che si stava meglio quando si stava peggio, ovvero durante il regime di Hosni Mubarak...

Tunisia and Egypt: foreign loans and domestic consensus

For more than a year now, Tunisia and Egypt have been negotiating with international financial institutions in order to obtain significant loans at competitive rates and at acceptable conditions in terms of reforms to be implemented in return...

Il fondatore di Ennahda e la transizione difficile, conversazione con Rashid Ghannouci

Dopo due bozze di costituzione e sedici mesi di consultazioni nell’assemblea costituente tunisina, lo scorso 1° giugno il processo sembra aver portato i frutti sperati, raggiungendo un consenso su una bozza finale. Questa bozza di costituzione verrà votata dal parlamento entro l’estate, mentre non è ancora stato deciso se verrà sottoposta a un referendum nazionale...

Le frontiere nordafricane sotto pressione

Le questioni di politica interna assorbono gran parte del dibattito internazionale relativo ai paesi del Nord Africa, come dimostrano molte analisi – pur acute e ben informate – sull’impatto delle Primavere arabe. Così il tema delle frontiere tra gli Stati della regione, a discapito del suo peso, rimane spesso sullo sfondo...