true
Versione Stampabile

Proposte per il futuro dell’Italia dei giovani di Aspen Institute Italia

Modalità digitale, 28/04/2020, Tavola rotonda Aspen Junior Fellows

L’impatto economico, sociale e geopolitico di COVID-19  presenta sfide la cui gestione avrà conseguenze significative e a lungo termine per il futuro del Paese. In Italia, tra i paesi più colpiti dalla pandemia, l’emergenza da COVID-19 si sovrappone a debolezze strutturali del sistema Paese e una corretta risposta appare particolarmente difficile ma strategica.

Questo complesso scenario offre anche ampie opportunità di ripensamento e rinnovamento. Il ritrovato spirito di unità nazionale e lo straordinario impegno di tanti attori pubblici e privati è un forte incoraggiamento in questo senso. Spinti da queste riflessioni, i giovani di Aspen Institute Italia hanno condiviso la necessità di organizzare un incontro orientato a costruire proposte concrete intorno all’emergenza attuale, proposte che possano contribuire ad un futuro più prospero, inclusivo, sostenibile e resiliente.

Le proposte raccolte coprono un ampio spettro di tematiche, a testimonianza delle sfide ed opportunità poste dinnanzi al Paese. Tra i maggiori temi emersi vi sono il finanziamento della ricostruzione, riforme dello Stato e della pubblica amministrazione, gestione dell’ambiente, istruzione e cultura, salute ed Europa.

Pur nella diversità degli argomenti trattati, è possibile caratterizzare le proposte in base al loro orientamento di breve o lungo termine. Tra quelle il cui orientamento è maggiormente volto alla gestione immediata dell’emergenza, alcuni dei temi trattati sono la gestione della mobilità, la salute mentale, il potenziamento del comparto sicurezza e il supporto all’ecosistema delle startup.

Nel lungo termine si è invece discusso di come la scienza possa supportare i policymaker, delle opportunità di semplificare l’apparato legislativo e la burocrazia, della digitalizzazione del sistema sanitario nazionale e del consolidamento delle esperienze di e-learning.

Intorno alla discussione delle proposte sono emersi interessanti dibattiti sul rapporto tra scienza e politica, sulle problematicità di riformare la burocrazia e sulla necessità di guardare le sfide dell’Italia anche nel contesto europeo.