From the Editors

Le scelte difficili dell’Europa post-atlantica

 Il modo in cui Washington ha negoziato la revisione del Nafta, il trattato commerciale con Messico e Canada, conferma due tratti centrali della strategia di Donald Trump...

The UN debate over international sanctions: a crisis of multilateralism

 Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu proved unintentionally insightful when he hailed, in his late September speech to the United Nations General Assembly, the collapse of a landmark global accord...

USA e Cina: il futuro delle superpotenze simbiotiche

 Il rapporto bilaterale più importante al mondo è entrato in una nuova fase...

Il giorno del Parlamento europeo

Non sono frequenti le giornate che ci ricordano l’importanza del Parlamento europeo...

Il tempo di Trump

 Il fattore tempo è utile per analizzare la presidenza Trump in almeno tre prospettive. In primo luogo, l’approccio decisamente originale alla politica estera adottato da questo presidente ha già lasciato un’impronta profonda sulle relazioni internazionali...

Il passaggio più rischioso per Erdogan: salvare la crescita economica turca

 Il momento di crisi del sistema economico della Turchia non è una sorpresa...

Welcome the Truce: but we need more to save the Atlantic

 We can breathe a sigh of relief: A trade war between the United States and Europe, which would have had a strongly penalizing impact on an economy relying on exports such as Italy’s, has been averted for the time being.  After branding the EU a "foe" in the commercial sphere, Donald Trump pulled...

L’America o il suo Presidente?

 Al termine del tour europeo di Donald Trump, che lo ha portato al vertice NATO di Bruxelles, a Londra, e poi a Helsinki per l’incontro con Vladimir Putin, un quesito si pone con intensità per i vecchi alleati dell’America: il Presidente parla effettivamente a nome degli Stati Uniti?...

Il G7 di “America First” e la curva di apprendimento dei partner

 Il G7 canadese di Charlevoix è stato, come previsto, travolto dall’uragano Donald. Non c’è accordo sulla sostanza di un Comunicato finale, neppure minimalista, e il Presidente americano ha lasciato l’incontro (in anticipo) accusando il premier Justin Trudeau di essere un bugiardo...

Le incognite europee del nuovo governo italiano

 Il governo Conte – perfino prima ancora di insediarsi – ha già lanciato vari sassi nello stagno europeo. Forse non è uno scontro frontale come paventato da alcuni, ma certo è una posizione inusitata per l’Italia, che mai ha presentato tanti spigoli su tanti dossier europei simultaneamente...