Eleonora Ardemagni

Printer-friendly versionSend to friend
Eleonora Ardemagni

Eleonora Ardemagni is Associate Researcher at the Italian Institute for International Political Studies (ISPI), Gulf and Eastern Mediterranean Analyst for the NATO Defense College Foundation. Her area of expertise are foreign policy and security issues, with a focus on Yemen, the Arab Gulf states and Cyprus. She is a regular contributor for AffarInternazionali and Storia Urbana, commentator for the Italian daily Avvenire and media as Radio Rai and Vatican Radio. Her analysis appeared on Afriche e Orienti, NATO Review, Middle East Institute, International Studies Journal, LSE Middle East Centre Blog, Arab Gulf States Institute, Gulf Affairs-Oxford University, ITSTIME-Catholic University and University of Nicosia-EMPN.

This author wrote:

La Siria semi-sovrana e i nuovi equilibri regionali

La Siria di domani sta prendendo forma: sarà un paese in cui la sovranità geografica non corrisponde alla sovranità politica. Infatti, lo stato siriano rimarrà, molto probabilmente, unito...

Arabia ed Emirati contro Qatar: la competizione regionale si allarga

La crisi politica tra Arabia Saudita-Emirati Arabi Uniti (con Bahrein ed Egitto) e Qatar, che in realtà prosegue sottotraccia da almeno tre anni, è venuta alla luce in maniera dirompente negli ultimi giorni...

Washington e Riyad in maggiore sintonia, ma con il test spinoso dello Yemen

“Laddove vi sono problemi in Medio Oriente, c’è l’Iran”. James Mattis, Segretario statunitense alla Difesa, non poteva scegliere parole più mirate per rassicurare l’Arabia Saudita, nel corso del primo viaggio ufficiale a Riyad, il 18 aprile scorso...

La crisi dei rifugiati in Medio Oriente come sfida socio-economica

In totale, Giordania, Libano e Turchia stanno ospitando 4,4 milioni di profughi siriani: data la situazione della Siria, al sesto anno di guerra, questa presenza è destinata ad assumere almeno in parte un carattere strutturale...

Medio Oriente e sicurezza globale: la presidenza Trump alla prova della complessità

Il Medio Oriente, ancor più di altri luoghi del mondo, non è né bianco né nero: il neoeletto presidente Trump dovrà velocemente impararlo. Complessità è la parola che maggiormente si addice a descrivere le identità multiple, le trame geopolitiche e le strumentalizzazioni incrociate che caratterizzano questa regione...

Navigazione a vista con pochi alleati: la difficile rentrée geopolitica saudita

Dopo una fase di incertezza e di scelte non sempre oculate – in coincidenza con l’avvicendamento di governo in varie posizioni-chiave – l’Arabia Saudita tenta una difficile rentrée nelle partite della geopolitica mediorientale (Siria, Yemen, Libia). Per Riad l’operazione richiede l’acquisizione di alleati e partner, in un contesto regionale molto mutevole...

Mediterraneo e non solo Russia: la NATO in cerca di una strategia olistica

Tra mar Baltico (“fianco est”) e mar Mediterraneo (“fianco sud”), il centro geopolitico di gravità della NATO si chiama oggi mar Nero: l’insolito incontro di Varsavia tra i ministri degli esteri di Polonia, Romania e Turchia lo ha sintetizzato lo scorso 9 giugno...

Le monarchie del Golfo fra rivolte e petrolio basso: Stato e società in evoluzione

Per l’Arabia Saudita e le altre monarchie del Golfo, il crollo del prezzo degli idrocarburi potrebbe avere un impatto socio-politico maggiore di quello delle “primavere arabe” di cinque anni fa...

L’equilibrismo strategico della politica cinese nel Golfo

Stabilità, anche a costo di un maggior coinvolgimento diplomatico nella regione: il viaggio mediorientale del presidente Xi Jinping - Arabia Saudita, Egitto, Iran - del 19-23 gennaio sintetizza gli obiettivi della nuova politica estera cinese in Medio Oriente...

Middle East security: a “pivot to the East” and its implications

As the “pivot” of Middle East security has moved East, our analytical patterns need to adjust to a changing reality. Established inter-state alliances are no longer able to cope with emerging challenges, paving the way for unexpected realignments. Given the inherent instability of current balances (or rather imbalances), it is especially important to track some major trends...