Azzurra Meringolo

Printer-friendly versionSend to friend
Azzurra Meringolo

 

Azzurra Meringolo holds a PhD in International Relations, works as journalist at the National Broadcasting Company (Giornale Radio Rai). As contributor to national and international newspapers, she has traveled in the middle east for years. She has been Editor-in-Chief of the IAI's webzine AffarInternazionali and scientific coordinator of the Arab Media Report. She teaches Arab Media at Rome Tre University. Her research interests include the politics of the Arab world with a particular focus on Egypt. Author of "I ragazzi di piazza Tahrir", in 2012 she won the Ivan Bonfanti Journalism Award. Her doctoral thesis on Egyptian anti-Americanism won the Maria Grazia Cutuli Prize. In 2013 she received the Indro Montanelli Journalistic Prize. WIIS (Women in International Security) Italy founder, Azzurra is member of the German Marshall Fund Leadership Council. Her last book is “Il sogno antiamericano. Viaggio nella storia dell’opposizione araba agli Stati Uniti."

Twitter: @ragazzitahrir


 

This author wrote:

I dubbi su Hillary Clinton dietro il sostegno egiziano per Trump

Russia ed Egitto un’altra volta dalla stessa parte. Nella partita #Usa2016, il governo del Cairo sembra uno dei pochi a tifare per lo stesso candidato sostenuto dal Cremlino...

Le mosse egiziane per tornare a contare su scala regionale

Per garantirsi un vicino amico, l’Egitto è disposto quasi a tutto. Anzi, due anni fa non escludeva neanche di iniziare una vera e propria guerra. Anche se la crisi interna l’ha costretto a desistere, il governo del Cairo non ha distolto lo sguardo dal futuro della Libia, il dossier che sta più a cuore alla diplomazia egiziana...

Arabia Saudita: dopo il voto femminile, poco rosa nel mercato del lavoro

Alle organizzazioni internazionali e non governative che battono il pugno sul tavolo chiedendo di fare di più per le donne, il regime saudita risponde con una lista di promesse dove elenca una serie di programmi e di politiche rivolte alla componente meno ascoltata della popolazione...

L’Egitto “normalizzato” al voto parlamentare

Da tre anni privo di legislativo, l’Egitto sta eleggendo il parlamento più grande della sua storia: 596 deputati, 124 in più rispetto alla vecchia assemblea...

L’Egitto ancora senza Parlamento

Da due anni privo di Parlamento, l’Egitto rischia di restare senza un potere legislativo ancora per un po’. Le elezioni previste per marzo che dovevano eleggere il Parlamento sono infatti destinate a slittare. Questo è quanto ha confermato il 3 marzo la Corte amministrativa del Cairo, che non lascia presagire strade alternative...

Le monarchie del Golfo e il Cairo: prove di restaurazione a guida saudita

Il riavvicinamento tra Doha e il Cairo passa per le stesse frequenze che hanno portato il Qatar e l’Egitto ai ferri corti: quelle di Al-Jazeera...

Le guerre mediatiche del mondo arabo

L’avanzata dell’ISIS ha sconvolto, tra le altre cose, anche i palinsesti televisivi: è divenuto un fenomeno mediatico nel quale Stati Uniti e mondo arabo riflettono le rispettive immagini – più o meno stereotipate...

Lo spazio pubblico egiziano che si restringe: governo vs società civile

Oggi quasi tutti i giornalisti che lavorano in Egitto sanno che è tornato il tasrih, il permesso mensile rilasciato dal Ministero degli Interni ai reporter senza il quale è vietato soprattutto riprendere fil...

Un nuovo raìs, tra lotta agli islamisti e priorità economiche

Una maggioranza tanto “bulgara” quanto imbarazzante. Così, l’ex capo delle forze armate Abdel Fattah el-Sisi si trasforma nel successore del presidente da lui deposto 11 mesi fa, l’islamista Mohamed Morsi ora in carcere con tutta la dirigenza della Fratellanza musulmana...

La nuova Costituzione egiziana: il maquillage del regime tra democrazia controllata e Islam

È prematuro capire se la Costituzione egiziana approvata lo scorso gennaio, la seconda dalla caduta di Hosni Mubarak, riuscirà a realizzare le promesse della rivoluzione del 2011. È però già evidente che il nuovo testo è riuscito a rafforzare la posizione di alcune importanti istituzioni che si sono ritagliate un ruolo protetto, ai vertici dell’altalenante sistema politico...