Alessandro Turci

Printer-friendly versionSend to friend
Alessandro Turci

Alessandro Turci, a freelance documentary filmmaker and special correspondent, has filed reports from Africa, Asia, the Middle East and the Americas for the major European television and print news services.

This author wrote:

Africa: l'epicentro dei migranti climatici

Viviamo in un mondo dove la vaniglia batte ormai l’argento, se è vero che a maggio 2018 la sua quotazione ha raggiunto quota 600 dollari al chilo contro i 530 del metallo, E le temperature sempre più calde stanno compromettendo la produzione etiope di caffè per un pronostico, quello della stampa specializzata, di una bevanda in futuro molto più cara e naturalmente molto meno buona...

Macron e la Francia, tra grandeur e ragion di stato

Poche settimane fa a Parigi si son perse le tracce del generale libico Khalifa Haftar. Impegnato in uno dei suoi (non rari) viaggi europei, il Signore della Cirenaica è stato dato per malato grave, poi per morto, di nuovo per convalescente e infine sulla via di casa, ma in realtà da quel momento nessuna notizia certa è più giunta sulla sua sorte...

Dal mito di Mandela alla Zexit: la difficile transizione del Sudafrica

L’eredità di Nelson Mandela rimane, a un lustro dalla morte, il crocevia del Sudafrica tra passato e futuro. Fattuale e simbolico, questo snodo ha avuto nella vicenda delle dimissioni del Presidente Jacob Zuma (a metà febbraio) una propria plastica rappresentazione...

La Germania e l'arte della mediazione politica

Ci ha provato in ogni maniera la Germania a rimuovere la figura di Helmut Kohl, ma alla fine la rivincita della Weltanschauung democristiana – la sua visione delle cose – si è imposta...

Zimbabwe post-Mugabe: pochi cambiamenti e molti rischi di contagio regionale

E’ giusto non abusare di stilemi triti; però quale miglior esempio del concetto di “gattopardismo”, e cioè il celebre “cambiare tutto perché nulla cambi”, per l’attuale Zimbabwe?...

Trump vs UNESCO: l’assenza di un piano sulla Palestina

Correva il maggio 2017 quando Donald Trump, l’outsider ormai alla Casa Bianca, dichiarava al mondo: “farò tutto il possibile per la pace tra Palestina e Israele”...

Migranti e diritti umani: una sfida giuridica aperta

Il dibattito europeo sulla “gestione dei migranti” tende a confondere due piani distinti del problema, quello politico e quello giuridico. Ben lontano dall’essere puramente tecnico e astratto, è proprio questo secondo aspetto a rivelarsi potenzialmente il più delicato, ed importante, in tema di diritti umani...

Lo Zar e il Sultano: le poche analogie, le molte differenze

Lo Zar e il Sultano è un’ottima soluzione per un titolo giornalistico, a patto di non farsi ingabbiare nella sineddoche, nel confronto tra due uomini di stato che hanno tentato più di altri l’identificazione tra loro stessi e la nazione...

Zimbabwe: vicolo cieco di un dittatore

L’Africa ha fatto parlare di sé, nel recente passato, principalmente per il fenomeno Boko Haram in Nigeria e per la guerra in Mali, anch’essa di matrice etnico-jihadista...

L'Europa verso Dublino IV: una carenza di razionalità e umanità

L’Unione Europea delle celebrazioni dei 60 anni di “integrazione” si trova di fronte, è noto, a clamorose criticità. Il libro bianco presentato da Jean-Claude Juncker a inizio marzo elenca appunto le sfide principali che l’UE dovrà affrontare nell’immediato futuro, ma nei cinque scenari ipotizzati non cita il fattore immigrazione...