Syria

Il petrolio e la guerra civile araba

Nel mondo arabo le vicende interne ai paesi hanno immediate ripercussioni regionali. Determinante è la rendita petrolifera, che nei paesi produttori ha una funzione stabilizzatrice, ma a livello regionale ha creato forti tensioni tra paesi esportatori e non, in passato contenute dai meccanismi di circolazione regionale della rendita...

The depressing sameness of American foreign policy in the Middle East

Despite their deep, irreconcilable differences across the board, Trump’s and Obama’s strategic approaches to the Middle East are strikingly similar. Both recent administrations have sought to avoid pointless distractions in the Middle East, pursuing an offshore balancing strategy...

La Russia che torna in Medio Oriente

L’intervento russo in Siria rappresenta una svolta rispetto all’assetto mondiale successivo alla fine della guerra fredda. Il Medio Oriente è diventato per Mosca un’occasione di rientro sulla scena geopolitica, con l’obiettivo di riposizionarsi nel grande continente euroasiatico...

The Syrian army: An Arab force backed by Russia and Iran

I recently mentioned to some colleagues that I was writing an in-depth analysis of the factors behind the success of Bashar al-Assad’s army in Syria. One of them replied candidly, “There is little to analyze...

La Siria semi-sovrana e i nuovi equilibri regionali

La Siria di domani sta prendendo forma: sarà un paese in cui la sovranità geografica non corrisponde alla sovranità politica. Infatti, lo stato siriano rimarrà, molto probabilmente, unito...

In Syria, where the rebels' resistance is fading away

"It makes no sense to keep on this way. Really. It makes no sense." The dazed man I am standing in front of, a man I'll call Hadi, is the commander of the al-Qaeda unit I'd like to get back to Syria with. But in Khan Sheikun there's just been a new gas attack. "Come!," he told me over the phone. "It's urgent." There are rumors of a mass desertion. Many rebels seems to be about to surrender...

Siria, il lento crepuscolo dei ribelli

"Non ha senso continuare così. Non ha senso, davvero". L'uomo che chiamerò Hadi, e che mi sta davanti stravolto, è il comandante dell'unità di al-Qaeda con cui vorrei rientrare in Siria. Ma a Khan Sheikhun, a metà strada tra Homs e Aleppo, c'è appena stato un altro attacco chimico. "Vieni subito", mi ha detto al telefono, "è urgente". Gira voce che molti vogliano andare via dalla guerra...

The Al-Assad clan in Syria: a family affair and a regional issue

In the Middle East and in the Arab world in general, the concept of leadership is drastically different from what is the current norm in the West. Many Arabs (a term associated with those who share the language and culture) are captivated by the figure of a strong and charismatic leader who does not give in or compromise...

L’amministrazione Trump in politica estera: conferme e aggiustamenti

 Tra il 6 e il 7 aprile si sono concentrati i due episodi che segnano l’ingresso sulla scena internazionale di Donald Trump: l’incontro faccia a faccia con il Presidente cinese Xi Jinping e l’attacco missilistico americano contro una base militare siriana...

La crisi dei rifugiati in Medio Oriente come sfida socio-economica

In totale, Giordania, Libano e Turchia stanno ospitando 4,4 milioni di profughi siriani: data la situazione della Siria, al sesto anno di guerra, questa presenza è destinata ad assumere almeno in parte un carattere strutturale...