Home

France after Macron's first year
aspeniainternal

A protest in Paris

La traiettoria di Macron nel nuovo scenario francese

Il presidente partito da sinistra per governare a destra. E’ così che molti media francesi raccontano la parabola del Capo dello Stato eletto lo scorso 7 maggio; alcuni con risentimento, come Libération, che enumera i passi del tradimento del Président alla gauche. E altri con soddisfazione, come Le Figaro, le cui pagine sottolineano come Macron abbia realizzato le riforme che “la destra sognava”. Dubitiamo però...

Read more ››

Macron one year on: how does Germany view his European eagerness?

France's Macron has been awarded the Charlemagne Prize 2018 in Aachen. This prize is given every year to public figures “having performed exceptional work for European unity” ...

Read more ››

Macron e la Francia, tra grandeur e ragion di stato

Poche settimane fa a Parigi si son perse le tracce del generale libico Khalifa Haftar. L’importanza della vicenda è nel luogo più che nel soggetto...

Read more ››
The US economy: toward a new equilibrium
aspeniainternal

Jay Powell, Chair of the Fed

L’economia USA tra dati positivi e rischi all’orizzonte

Guardando all’economia statunitense, ci sono due notizie positive e una negativa – e i tre dati sono indissolubilmente legati tra loro...

Read more ››

Trump’s traditionally Republican economic choices

The big question when Donald Trump was running for the US presidency was, How is his economic policy different from mainstream Republican economics? Now that he is president...

Read more ››

I dazi di Donald Trump: chi pagherà il prezzo più alto?

A inizio marzo, il presidente americano ha deciso dazi del 25% sull'import di acciaio e del 10% su quello di alluminio; decisione motivata con ragioni di sicurezza nazionale...

Read more ››
Trump's Iran gamble
aspeniainternal

The US and the Iran deal: an American violation and a weakening of the global nuclear regime

The administration hopes to send a signal to other nuclear-ambitious states that the US will drive a hard bargain. However, the effect...

Read more ››

Trump e l’Iran: la fine del fantasma di Obama

Con la decisione di ritirarsi dall’accordo nucleare iraniano si chiude un ciclo. Certamente per il presidente Trump, e forse per l’intera politica estera americana...

Read more ››
Multiple Europes
aspeniainternal

The European Council headquarter in Brussels

“Ai margini del Consiglio europeo”, dove traballa l’equilibrio istituzionale dell’UE

La crisi economico-bancaria, gli ingenti flussi migratori, il terrorismo e, infine, la Brexit. L’Unione Europea, colta impreparata dalle crisi, ha finito per privilegiare la risposta d’emergenza, e ha potuto farlo servendosi della più giovane delle sue istituzioni, riconosciuta formalmente tale solo con il Trattato di Lisbona....

Read more ››

Germany and Eurozone reform: interests and ideas

The question for 2018 and beyond is whether Europe will be able to respond adequately to the disenchantment that has grown over the years and surfaced in recent elections...

Read more ››

Le carenze europee dietro i sorrisi di Trump e Macron

E’ abbastanza stupefacente l’intesa mostrata nel recente incontro tra il presidente USA e quello francese. I due infatti rappresentano, non solo per le biografie o per l’apparenza, due opposti...

Read more ››

A new strategy for European and global cyber (dis)order

The imprint of so-called “digital globalization”, with its ability to bring spaces closer together while multiplying vulnerabilities in our societies, now affects all parts of everyday life...

Read more ››

Clearing House e "Take back control": un altro paradosso di Brexit

Londra è la capitale finanziaria indiscussa dell’Europa. Il settore finanziario sarà dunque chiave nella future relationship tra Regno Unito e Unione...

Read more ››

Europe and the power of humanities

2018 is the year of European heritage, chosen by the EU to encourage citizens to discover the continent’s rich culture. A fine initiative indeed, but what Europe really needs is...

Read more ››
Democracy questioned
aspeniainternal

Il circolo vizioso di diritti e libertà. Conversazione con Alessandro Barbano

Le società secolarizzate contemporanee hanno un rapporto profondamente diverso con i diritti: in assenza di forti autorità da sfidare, i diritti hanno cessato di essere un carburante per diventare invece elementi di una patologia, e addirittura fucili puntati contro la democrazia. Ciò è accaduto per una perdita della funzione originaria...

Read more ››

Democracy will worsen in 2019 and 2020

Since 2016, the pace of democratic regression has accelerated and the rollback has spread from regionally powerful countries that had only recently established democracies to globally powerful states, and ones where democracy seemingly had stronger roots...

Read more ››

Democrazie sotto pressione: la normalità delle crisi

Molti dubbi sul funzionamento dei sistemi democratici sono ormai diffusi al loro stesso interno – tra i cittadini-elettori, tra gli eletti, e tra gli osservatori più esperti...

Read more ››

Diagnosi della democrazia contemporanea. Intervista a Michael Stürmer

Un mondo senza crisi non esiste e non esiste neanche una democrazia senza crisi. La democrazia è un oscillare tra sfida e sfida ed essere preparati a questo...

Read more ››
Social media dilemmas
aspeniainternal

I metodi e i pasticci di Facebook: grande potere, grande responsabilità?

Lo scandalo Cambridge Analytica ha segnato il punto di crisi più profonda conosciuto da Marc Zuckerberg nei 14 anni di vita del social network...

Read more ››

Tech meets politics: the battle continues

“Without exception we are responsible for the results of our actions and the influence we have on society,” so taught the Italian humanist Vittorino da Feltre. Today, this lesson is often forgotten...

Read more ››