Mideast Flashpoints

Gli interessi regionali di Israele: i vantaggi possibili in un quadro instabile

Nel momento in cui Raqqa, la capitale del Califfato islamico, dopo quattro mesi di combattimenti è ufficialmente liberata da una coalizione delle Forze Democratiche Siriane a guida americana – in particolare dai combattenti curdi dell’YPG – il futuro della Siria torna prepotentemente al centro dell’attenzione...

Il temporaneo pragmatismo di Teheran a fronte del nuovo corso di Trump

Dopo nove mesi di lavoro e molta attesa da parte di tutta la comunità internazionale, il presidente americano Donald Trump ha annunciato la nuova strategia degli Stati Uniti nei confronti dell’Iran...

La Siria semi-sovrana e i nuovi equilibri regionali

La Siria di domani sta prendendo forma: sarà un paese in cui la sovranità geografica non corrisponde alla sovranità politica. Infatti, lo stato siriano rimarrà, molto probabilmente, unito...

The Syrian army: An Arab force backed by Russia and Iran

I recently mentioned to some colleagues that I was writing an in-depth analysis of the factors behind the success of Bashar al-Assad’s army in Syria. One of them replied candidly, “There is little to analyze...

La nuova fase irachena della grande questione curda

I curdi della Regione autonoma in Iraq hanno finalmente celebrato il loro storico e tanto atteso referendum, lunedì 25 settembre 2017. Com’era stato ampiamente previsto, i “sì” alla richiesta di indipendenza da Baghdad hanno stravinto...

Siria, il lento crepuscolo dei ribelli

"Non ha senso continuare così. Non ha senso, davvero". L'uomo che chiamerò Hadi, e che mi sta davanti stravolto, è il comandante dell'unità di al-Qaeda con cui vorrei rientrare in Siria. Ma a Khan Sheikhun, a metà strada tra Homs e Aleppo, c'è appena stato un altro attacco chimico. "Vieni subito", mi ha detto al telefono, "è urgente". Gira voce che molti vogliano andare via dalla guerra...

In Syria, where the rebels' resistance is fading away

"It makes no sense to keep on this way. Really. It makes no sense." The dazed man I am standing in front of, a man I'll call Hadi, is the commander of the al-Qaeda unit I'd like to get back to Syria with. But in Khan Sheikun there's just been a new gas attack. "Come!," he told me over the phone. "It's urgent." There are rumors of a mass desertion. Many rebels seems to be about to surrender...

Lo scontro mediatico nel Golfo: parole e potere

Da quando è scoppiata «la crisi del Golfo», le notizie sulle guerre in Libia, Siria, Yemen e Iraq sono passate in secondo piano. «Il mondo arabo è sbalordito dall’interesse che i media hanno sul Qatar mentre lo Yemen, la Siria, la Libia e l’Iraq stanno bruciando»...

African fallout of a rift in the Gulf

It is easy to see how widely the diplomatic crisis between Qatar and the Saudi-led coalition has spread. Medium- and long-term effects will resonate far beyond the Arabian peninsula, affecting the diplomatic (and hence economic) relations of third countries that are not linked at first glance with the giant oil producers ...

Il nuovo fattore saudita nel Medio Oriente in movimento

Lo scorso 21 giugno Re Salman bin Abdulaziz Al Saud, sovrano saudita e Custode delle due Sacre Moschee, ha elevato al rango di Principe Ereditario il figlio trentaduenne Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud (MbS), aprendo la strada, per la prima volta dalla fondazione del Regno, ad una successione dinastica in linea verticale e non più tra i figli di Ibn Saud...