Marta Dassù

Printer-friendly versionSend to friend
Marta Dassù

Marta Dassù is Editor-in-Chief of Aspenia.

This author wrote:

Grecia e Brexit: l'estate calda dell'UE

La gestione delle crisi sembra essere diventata la “nuova normalità” dell’Europa. Un tempo si diceva che era bene che fosse così. Grazie alle crisi - questa la tesi - l’Europa si fortificava. Oggi è una storia che non convince più...

Why Brexit divides the US and Russia

The old Cold War's two great powers have split once again over Europe's fate. Or rather, they already were split, primarily over NATO's and the European Union's expansion eastward...

Germania e Italia: una Turchia non basta

Sembra strano che a Torino, al dialogo di alto livello fra Germania e Italia, si sia discusso molto di Turchia. Ma strano non è. L'accordo con Ankara, gestito in prima persona da Angela Merkel, è il modo in cui la Germania ha cercato di moderare l'impatto della crisi dei rifugiati, la crisi più grave dal 1945 in poi...

A Union for stormy weather

Jihadist terrorism crosses Europe's borders with seeming ease; old walls and new walls. From Madrid to London, from Paris to Brussels, and from 2004 to 2016, the threat has been continent-wide and long-term. If our response remains a purely national one, we will be fighting a purely defensive and rearguard battle for European security in the 21st century...

Bruxelles: non solo Belgio

La cosa nuova e tristissima, questa volta, è che ce lo aspettavamo. Sapevamo, dal 13 novembre di Parigi almeno, che Bruxelles era il ventre molle, con quartieri fuori controllo, polizie inefficienti e divise, comunità islamiche pronte a coprire chiunque dei “loro”, perfino Salah Abdeslam. Lo aspettavamo, lo sapevamo; ma non siamo riusciti a evitarlo...

Putin di Siria: fase 2

Perché Vladimir Putin ha deciso di ritirare la “maggior parte” delle forze militari russe dalla Siria? Mosca continuerà a mantenere capacità operative per proteggere la sua base aerea nei pressi di Latakia e la sua base navale nel porto di Tartus, e i bombardamenti mirati (stavolta davvero contro ISIS, a quanto sembra) non sono cessati...

A new Cold War while Europe fails to notice?

The old Cold War's two great powers have split once again over Europe's fate. Or rather, they already were split, primarily over NATO's and the European Union's expansion eastward...

Perché Washington tifa Cameron e Mosca Orbán

Le due grandi potenze della vecchia guerra fredda sono tornate a dividersi sulla sorte dell’Europa. O meglio: divise lo erano già, anzitutto sull’allargamento verso Est della Nato e dell’Unione europea...

Metodo British per l’Europa

Il consiglio europeo del 18 e 19 febbraio pone due sfide sul tavolo: tenere la Gran Bretagna dentro e tenere il contagio medio-orientale fuori. O meglio: impedire che il dramma dei rifugiati, assai più del paziente inglese, finisca per lacerare l’Ue.  Si può aggiungere che le due grandi potenze della vecchia guerra fredda sono tornate a dividersi sulla sorte del Continente...

Le ragioni di Roma e Londra nella UE

Perdere Londra, per l’Unione Europea, significa perdere molto. Uno dei due membri europei del Consiglio di sicurezza, con le sue capacità militari e di politica estera; una piazza finanziaria dinamica; un modello attrattivo indiscutibile per le giovani generazioni; un attore economico vitale del mercato unico...